martedì 24 febbraio 2015

CYBERBULLI E SOCIAL NETWORK: se ne parla a Borgomanero

Il “cyber-bullismo” si combatte con la prevenzione e l’educazione. La violenza “virtuale” ha conseguenze devastanti sulla psicologia e sulla personalità di chi la subisce. Per cercare risposte a un fenomeno sempre più dilagante, l’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Borgomanero, in collaborazione l’Istituto Tecnologico ed Economico “Leonardo Da Vinci” di Borgomanero, darà vita al convegno «Social Network e bullismo in rete – uso inconsapevole o "pericolo pubblico"?».

Lunedì 2 marzo, all'Auditorium di Via Moro, è prevista per la  mattina, dalle 11.30 alle 13.30, un incontro aperto a tutti gli alunni delle scuole secondarie di secondo grado di Borgomanero.

Alle 20.45, nella stessa cornice si terrà il convegno aperto anche a genitori, insegnati e a tutta la popolazione. La serata verrà introdotta dai saluti del
Sindaco di Borgomanero Anna Tinivella, poi prenderanno la parola la senatrice Elena Ferrara con l'intervento dal titolo “Una legge per i minori sul web”. A salire sul palco poi Paolo Picchio, papà di Carolina, la ragazza tredicenne di Novara caduta vittima della rete, che ribadirà “Un appello per i ragazzi”. A seguire, lo psicologo Francesco Monti analizzerà “”Cyber-affetti e cyber bullismo”, mentre Roberto Musco della Polizia Postale tratterà il tema “Educare e prevenire: insieme tra virtuale e reale”. Al convegno presenzierà anche il luogotenente Luca Bianchi Fossati dei Carabinieri di Borgomanero. L’incontro sarà moderato da Eugenio Milani.


Nessun commento:

Posta un commento